Passa ai contenuti principali

Gestione logistica nell'ecommerce con modelli peer to peer che avanzano

Il mondo dei trasporti aiuta il compratore. 

Ciò che sta succedendo nel mondo dei trasporti potrebbe sembrare un'area accessoria a chi vende online.

Ma non lo è.

L'accelerazione nelle consegne, promossa da grandi player quali Amazon, Zalando, Groupon giusto per citarne alcuni ha una ricaduta fondamentalmente positiva per il compratore che è al centro di ogni scelta di questi importanti marketplace.


E per chi vuole vendere?

Per chi non è nato con l'intento della vendita "online" (ma non solo), significa riorganizzare le proprie attività logistiche, adottando criteri e strumenti differenti rispetto alle attività "standard" finora conosciute.

Si punta ad una sincronia dei magazzini "online" e "offline", al personale opportunamente formato per evitare intoppi e ottimizzare i tempi di gestione, ad accordi commerciali con corrieri affidabili, ad una gestione post-vendita con risposta immediata.

Oppure si decide di affidare a terzi quanto sopra, perché conteggi alla mano, con gli opportuni test e avendo il prodotto ben posizionato, il servizio di logistica e consegna potrebbe essere esternalizzato.

Le direzioni 

E su questo sta puntando Amazon. Lo sta facendo attivando un sistema di distribuzione con consegna al cliente sempre piu' vicino ad un modello "peer to peer" tipico di aziende quali Uber, Airbnb, ovvero della sharing economy.

Lo si evince da tre principali azioni in corso da parte di Amazon:
- incremento dei punti di ritiro (Amazon Counter) per la consegna finale con accordi con poste, catene di negozi e commercianti di quartiere
- reclutare una flotta di corrieri Amazon (i.e. padroncini) che danno una propria disponibilità oraria e di zona e sulla cui base viene personalizzata la lista di carico per le consegne finali
- test con importanti aziende per trasformare il servizio Prime direttamente in loco (le aziende venditrici diventano un hub presso cui i corrieri Amazon vanno a rifornirsi)

Ipotesi da verificare

Forse un domani... con un'opportuna campagna di benefit, consumatori di Amazon diventeranno degli spedizionieri per consegne nel quartiere o di zona.

Salvo le scommesse, poco importa sapere come andrà a finire, quanto carpirne la direzione e valutare se alla fine convenga gestire internamente la logistica od affidarla esternamente.

Misurare la soluzione VS attendere l'esplosione del problema

Lo si può fare con un test A/B, tipico del marketing: un panel di prodotti stoccato e spedito direttamente dalla propria sede e uno similare attraverso una logistica terzi.

Stabilire un tempo misurandone i costi e i ritorni per entrambe le soluzioni.

Per qualcuno potrebbe sembrare un immediato costo aggiuntivo e lo è: pagare subito (ma poco e certo) rispetto a non pagare nulla (subito) subendo poi l'ondata delle urgenze nel dover attivarsi per seguire il trend che i propri concorrenti stanno già cavalcando con costi e tempi in crescita esponenziale.

E' una tipica domanda aziendale: meglio agire o reagire?






PS: l'articolo di ispirazione di seguito

https://www.livemint.com/companies/start-ups/amazon-battles-uber-other-start-ups-in-nascent-freight-service-1556692017253.html

Commenti

Post popolari in questo blog

Come diventare un Partner qualificato di servizi di Amazon (SPN)

Per vendere online sono necessarie diverse competenze, non solo digitali: tecnica, amministrativa, logistica, linguistica, fiscale, legale, media. Si possono ritrovare all'interno della propria azienda o acquisirle esternamente. Per quanto riguarda Amazon, essendo piattaforma complessa, i processi gestiti esternamente possono venire eseguiti con maggior probabilità di successo se gli esperti della materia sono anche conoscitori della piattaforma. LA RETE GLOBALE DI PARTNER AMAZON Nel 2014  Amazon ha creato un network globale di fornitori di servizi (SPN acronimo di Service Provider Network)   che vengono sottoposti ad una verifica per validare le loro capacità tecniche e l'esperienza maturata all'intero della piattaforma stessa. Lo s copo è di rendere facilmente fruibile l'accesso ad un elenco fidato di fornitori di servizi che sanno come muoversi all'interno del mondo Amazon e che soprattutto possano facilitare le attività di internazionalizzazione. Le aziende

[AGGIORNATO] Qual è il Prezzo giusto per vendere su Amazon?

Il Prezzo come elemento principale per le valutazioni di acquisto Secondo il report Globale di E-commerce Foundation il fattore prezzo è l'elemento principale con cui viene valutata l'occasione di acquisto da parte dei consumatori. Non sfugge a questa regola Amazon, dove comunque nelle valutazioni di acquisto la componente prezzo viene combinata assieme ad altri fattori quali caratteristiche e benefici del prodotto, oltre al tipo di spedizione offerta. Ma quale è il prezzo giusto? Per i venditori , in particolare per coloro che si avvicinano per la prima volta alle vendite dirette al consumatore, può essere estremamente difficile trovare il prezzo adeguato: non si ha esperienza di prezzi al pubblico non si ha una concorrenza diretta sul prodotto (in particolare produttori) paura di sovrapporsi se vi è una presenza di distributori/grossisti/negozianti in altri canali Le possibilità possono essere diverse (ad esempio se si conosce il prezzo all'ingrosso molti

Svelata una percentuale dei resi in Amazon.it

I resi come vantaggio competitivo o ostacolo ai piccoli negozi online? Il tema dei resi da acquisti online è sempre piu' sotto la lente di ingrandimento: è un elemento molto importante per il Consumatore (i tempi , la gestione , la gratuità) e nel contempo diventa un costo sempre piu' evidente per il singolo Venditore spesso in competizione con strutture imponenti come i Marketplace. Qual'è la percentuale di resi a cui deve far fronte un Venditore? Questo dipende molto dalle categorie in cui si vende, dai tempi offerti , dal valore dei prodotti, dalle caratteristiche del prodotto (voluminoso o leggero) e dalle scelte gestionali dello stesso Venditore. Di certo però, avere a riferimento l'indice di un Marketplace può essere d'aiuto: in questo caso la mia analisi ha riguardato Amazon.it. Come ricavare la percentuale di resi di Amazon? Il modo per stabilire una modalità vicino alla realtà viene offerto dalla numerazione dei documenti fiscali, nello specifico