Passa ai contenuti principali

Brexit primi effetti in Amazon?

In questi giorni Amazon sta avvertendo i venditori che utilizzano il servizio di logistica, in particolare aderenti al programma Panaeuropeo, di regolarizzare la propria posizione IVA in UK , altrimenti verranno presi dei provvedimenti "seri" per il proprio account.

Di seguito un estratto esempio di una lettera di invito effettuata da Amazon nei confronti dei Venditori:

Gentile Venditore,

per legge, potrebbe essere obbligatoria la registrazione ai fini IVA nel 
Regno Unito (UK) in base alla sua attività su Amazon.

Ai sensi della legge sull'IVA del Regno Unito, tutti i marketplace online, 
che scoprono che aziende non del Regno Unito che stoccano prodotti nel 
paese non soddisfano i requisiti di registrazione ai fini IVA nel Regno Unito, 
devono impedire loro di vendere prodotti.

Pertanto, Amazon è tenuta a verificare che lei sia registrato ai fini IVA 
nel Regno Unito.
Prima di tutto è utile riprendere come sia regolamentata, ai fini IVA, la vendita a distanza (B2C) a privati: in Unione Europea vige il principio di territorialità per l'applicazione IVA ovvero si applica (e il Venditore versa) l'IVA nella Nazione da dove , fisicamente, la merce viene spedita.
Ne consegue che se si stocca o deposita a nome e per conto proprio (quale è il servizio di Logistica Amazon , in particolare il programma Panaeuropeo), la vendita viene considerata effettuata nel Paese in cui è stoccata la merce: sarà quindi necessario aprire una rappresentanza fiscale nei vari Paesi in cui si stocca per l'appunto la merce.

Fino ad oggi questa regola non veniva verificata con strumenti efficaci perché di difficile applicazione: inoltre il tema è già sul tavolo della Commissione Europea per la creazione di un Unico Mercato "Digitale" Europeo.
Ora però c'è la Brexit: il Regno Unito (UK) , che probabilmente parteciperà ad eventuali tavoli con l'UE da "concorrente" e non piu' partner, ha legiferato in materia di controlli attraverso la propria agenzia fiscale (HMRC), attribuendo la responsabilità ai vari marketplace (tipo Amazon) che stoccano per conto terzi le merci da immettere in vendita in UK.
Sempre dall'esempio di lettera di invito di Amazon:

Se non carica il suo numero di partita IVA per il Regno Unito entro XX giorni, 
il suo account sarà soggetto a un periodo di revisione. 
A partire dall'inserimento in revisione, avrà XX giorni per caricare il suo numero 
di partita IVA per il Regno Unito, oppure provvederemo a bloccare il suo account.

HM Revenue & Customs (HMRC) ha il compito di assicurarsi che tutte le aziende 
assolvano gli obblighi in materia di conformità IVA ai sensi delle leggi 
del Regno Unito. 
A mio parere questo ha due principali effetti:
  1. i Venditori che non l'hanno fatto finora , devono adeguarsi, altrimenti rischiano la sospensione di un'account
  2. dimostra come Amazon possa diventare un importante partner per regolamentare il mondo dell'e-commerce anche ai fini fiscali

Cosa potranno fare i Venditori che utilizzano la logistica Amazon , in particolare il programma Panaeuropeo, per essere in regola?

Le strade sono principalmente 3:
  1. apertura della Partita IVA in UK con nessi e connessi i costi annuali, sia in termini di gestione Partita IVA sia dei dichiarativi dei Redditi
  2. disabilitazione del programma Panaeuropeo, rimuovendo lo stoccaggio in UK e facendo rientrare eventuale merce al momento stoccata presso magazzini UK
  3. disattivare l'inventario UK, interrompendo le vendite nel Regno Unito attraverso la chiusura delle offerte
In ogni caso sarà importante tenere un canale aperto con il Supporto Venditori.

Cosa farà l'Unione Europea?

L'azione del Regno Unito, produrrà probabilmente una reazione negli Stati membri, quali per ipotesi:
  • ognuno agirà per conto proprio e ,prendendo esempio da UK, utilizzerà Amazon per "incentivare" tutti i Venditori ad avere una Partita IVA (con relativi costi) per ogni Paese dove viene stoccata la merce (al momento il programma Panaeuropeo conta 7 Paesi)
  • in alternativa provvederanno ad accelerare il programma per un portale unico europeo (tipo il programma MOSS) dove versare per ogni vendita l'imposta IVA applicabile nel Paese di destinazione dove si trova il consumatore (auspicabile per tutti i Venditori - no costi di aperture partite iva - semplificazione)

Aspettiamo e vediamo gli sviluppi.

Post popolari in questo blog

Come diventare un Partner qualificato di servizi di Amazon (SPN)

Per vendere online sono necessarie diverse competenze, non solo digitali: tecnica, amministrativa, logistica, linguistica, fiscale, legale, media. Si possono ritrovare all'interno della propria azienda o acquisirle esternamente. Per quanto riguarda Amazon, essendo piattaforma complessa, i processi gestiti esternamente possono venire eseguiti con maggior probabilità di successo se gli esperti della materia sono anche conoscitori della piattaforma. LA RETE GLOBALE DI PARTNER AMAZON Nel 2014  Amazon ha creato un network globale di fornitori di servizi (SPN acronimo di Service Provider Network)   che vengono sottoposti ad una verifica per validare le loro capacità tecniche e l'esperienza maturata all'intero della piattaforma stessa. Lo s copo è di rendere facilmente fruibile l'accesso ad un elenco fidato di fornitori di servizi che sanno come muoversi all'interno del mondo Amazon e che soprattutto possano facilitare le attività di internazionalizzazione. Le aziende

[AGGIORNATO] Qual è il Prezzo giusto per vendere su Amazon?

Il Prezzo come elemento principale per le valutazioni di acquisto Secondo il report Globale di E-commerce Foundation il fattore prezzo è l'elemento principale con cui viene valutata l'occasione di acquisto da parte dei consumatori. Non sfugge a questa regola Amazon, dove comunque nelle valutazioni di acquisto la componente prezzo viene combinata assieme ad altri fattori quali caratteristiche e benefici del prodotto, oltre al tipo di spedizione offerta. Ma quale è il prezzo giusto? Per i venditori , in particolare per coloro che si avvicinano per la prima volta alle vendite dirette al consumatore, può essere estremamente difficile trovare il prezzo adeguato: non si ha esperienza di prezzi al pubblico non si ha una concorrenza diretta sul prodotto (in particolare produttori) paura di sovrapporsi se vi è una presenza di distributori/grossisti/negozianti in altri canali Le possibilità possono essere diverse (ad esempio se si conosce il prezzo all'ingrosso molti

Svelata una percentuale dei resi in Amazon.it

I resi come vantaggio competitivo o ostacolo ai piccoli negozi online? Il tema dei resi da acquisti online è sempre piu' sotto la lente di ingrandimento: è un elemento molto importante per il Consumatore (i tempi , la gestione , la gratuità) e nel contempo diventa un costo sempre piu' evidente per il singolo Venditore spesso in competizione con strutture imponenti come i Marketplace. Qual'è la percentuale di resi a cui deve far fronte un Venditore? Questo dipende molto dalle categorie in cui si vende, dai tempi offerti , dal valore dei prodotti, dalle caratteristiche del prodotto (voluminoso o leggero) e dalle scelte gestionali dello stesso Venditore. Di certo però, avere a riferimento l'indice di un Marketplace può essere d'aiuto: in questo caso la mia analisi ha riguardato Amazon.it. Come ricavare la percentuale di resi di Amazon? Il modo per stabilire una modalità vicino alla realtà viene offerto dalla numerazione dei documenti fiscali, nello specifico